Analoghi della carne: che ruolo hanno nella rivoluzione vegetale?

La carne vegetale è uno dei grandi pilastri dell'alimentazione del prossimo futuro: le aziende investono sulla produzione plant-based mentre i consumatori, sempre più consapevoli e informati, diminuiscono l'acquisto di carne animale.

Gli analoghi della carne sono, inseime alle alternative al latte vaccino, uno dei prodotti di punta all’interno del mercato plant-based, sicuramente il motore trainante della “rivoluzione vegetale” dei consumi a cui stiamo assistendo. La tecnologia alimentare, sempre più avanzata, permette di realizzare prodotti alternativi che imitano le proteine animali senza l’impatto ambientale e le implicazioni etiche delle produzioni a base animale. La fake meat è un prodotto sempre più diffuso, non tanto e non solo tra vegetariani e vegani, ma anche tra quella fetta di consumatori  che riducono l’impiego di proteine animali in favore di quelle vegetali. Dietro a questa scelta, di solito, ci sono motivazioni di carattere ambientale o la convinzione che gli alimenti vegetali siano più sani di quelli animali.

L’impennata dell’economia plant-based è un dato di fatto, analizzato dagli esperti del settore con indagini scrupolose, secondo le quali siamo solo all’inizio: le proteine alternative sono passate da essere un prodotto di nicchia a bandiera del cibo del futuro. I dati affermano che entro il 2035 le proteine “​​alternative” avranno raggiunto la piena competitività in fatto di gusto, consistenza e prezzo con le proteine ​​animali tradizionali, e per questo si prevede che l’11% di tutta la carne, i frutti di mare, le uova e i latticini consumati nel mondo saranno di origine vegetale. Se la tecnologia dovesse muoversi a passo più spedito, questo numero potrebbe arrivare al 22% nel 2035. A quel punto, l’Europa e il Nord America avranno raggiunto il “picco di consumi della carne” e il consumo di proteine ​​animali inizierà a diminuire.

Certamente anche la pandemia da Coronavirus ha contribuito ad accelerare lo shift verso le alternative alla carne: la paura del contagio e di una possibile connessione con il consumo di prodotti di origine animale è alla base del cambiamento repentino dei consumi a cui si è assistito in questi mesi. Anche nel nostro paese si è registrato un calo del consumo di carne bovina, con un ridimensionamento della produzione e una riduzione delle macellazioni.

Carne vegetale: la scelta del futuro

Il consumo di carne e derivati è strettamente legato al tema della sostenibilità: dalle emissioni che dominano la crisi climatica agli habitat distrutti per i terreni agricoli, fino all’inquinamento dei fiumi e degli oceani, la produzione di alimenti di origine animale è un vero e proprio disastro globale. Per questo i riflettori sono puntati sulle alternative in grado di rappresentare una via di uscita da questo enorme problema: secondo il Good Food Institute (GFI), nel 2020 molti produttori si sono avvicinati come mai prima d’ora alla competitività di prezzo con carne e derivati.

Naturalmente, raggiungere la parità di prezzo con la carne animale è un passo importante verso una maggiore diffusione dei prodotti plant-based: è emerso spesso come, per i consumatori, uno dei maggiori ostacoli verso il consumo di queste alternative sia proprio il prezzo elevato.

Leggi anche: Boom di finanziamenti per il settore plant-based: 5 “big” che sostengono il cambiamento

Le aziende sanno che è tempo di puntare sul vegetale e ci sono realtà che stanno letteralmente rivoluzionando il mercato alimentare con i loro prodotti. Nel nostro paese spicca il lavoro dell’azienda Joy Food Srl, che ha creato il marchio Food Evolution, una gamma di prodotti che imitano per gusto, aspetto e consistenza i prodotti di origine animale. Poi ci sono i grandi colossi americani come Beyond MeatImpossible Foods – rispettivamente “numero uno” e “numero due” al mondo nel settore della carne vegetale – che nel 2009 hanno aperto la strada al lancio della fake meat sui mercati d’oltreoceano e che oggi sono aziende note a livello globale.

Da non dimenticare è anche il settore della carne in vitro, nota anche come “clean meat”, vera e propria carne coltivata in laboratorio partendo da cellule staminali prelevate da animali. Non siamo di fronte a un prodotto vegetale, ma a tessuto animale ottenuto artificialmente in vitro, anche se senza macellazione. Secondo il GFI, il suo mercato è ancora in evoluzione, ma il 2020 ha visto diversi cambiamenti anche in questo settore: sono emerse almeno 20 nuovi produttori, mentre il numero di startup focalizzate esclusivamente sullo sviluppo tecnologie o prodotti finiti è salito a più di 70.

Per saperne di più

Il fenomeno del passaggio alle alternative ai prodotti di origine animale, sia esso per motivazioni etiche, di sostenibilità ambientale o legate alla salute, è ampio e sfaccettato. Come Osservatorio, lo abbiamo affrontato più volte da più punti di vista differenti, e proponiamo di seguito una serie di articoli per saperne di più:

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica il nostro RAPPORTO DI IMPATTO ETICO 2021

Sauro Martella
Fondatore VEGANOK

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche: