Pasticceria Il carrettino

Dolci inclusivi: la rivoluzione vegana e senza glutine de ‘Il Carrettino’

Andrea Greco: pioniere della pasticceria Inclusiva

A Grosseto si trova ‘Il Carrettino’, una pasticceria che ha ridefinito i confini del gusto e dell’inclusività nel mondo dei dolci. Andrea Greco, il suo energico e visionario titolare, ci apre le porte di questo tempio della pasticceria siciliana, dove tradizione e innovazione si fondono in un’armonia sorprendente. 

Con una spiccata passione per la cucina siciliana e un cuore grande per l’alimentazione vegana e senza glutine, Greco ha creato un’oasi di delizie che accoglie tutti i palati, anche quelli più esigenti.

Attraverso questa intervista, esploriamo il viaggio di Greco, dai primi passi nell’arte pasticcera siciliana fino alla nascita e al successo de ‘Il Carrettino’, un luogo dove ogni dolce racconta una storia di inclusione, gusto e innovazione.

 

Psticceria Il Carrettino

 

Come è nata l’idea di fondare una pasticceria siciliana a Grosseto e quale è stata l’ispirazione dietro la scelta di un’offerta completamente senza glutine e con opzioni vegan?

L’idea di aprire una pasticceria siciliana a Grosseto è nata dalla nostra passione culinaria, sviluppata inizialmente attraverso il nostro ristorante inaugurato 17 anni fa. Dopo un decennio di successo in questo ambito, abbiamo deciso di espanderci, avviando la pasticceria con un’offerta distintiva e attenta alle esigenze di tutti: senza glutine e con opzioni vegan.

Qual è la tua esperienza nella pasticceria siciliana e come questa ha influenzato l’offerta del Carrettino? Qual è stata la scintilla che ha fatto scattare l’amore per la pasticceria?

La mia passione per la pasticceria siciliana è iniziata da bambino, lavorando nelle pasticcerie dei miei zii a Palermo. Quel che iniziò come un gioco a otto anni, si trasformò in una carriera seria a 14. Queste prime esperienze hanno fortemente influenzato l’offerta del Carrettino, portando con sé una profonda conoscenza e un amore genuino per la tradizione della pasticceria siciliana.

pasticceria siciliana

Quali sono state le sfide e le soddisfazioni nell’introdurre opzioni vegan nella tua offerta, considerando che la tradizione siciliana è generalmente ricca di prodotti di origine animale?

Introdurre opzioni vegan è stata una sfida interessante. Tuttavia, ci siamo concentrati su prodotti già vegani, adattandoli alla pasticceria. La mia visione è sempre stata quella di una cucina inclusiva, accessibile a tutti, che mi ha portato a essere tra i pionieri in Europa nel proporre un menù completamente senza glutine, arricchito di opzioni senza lievito e lattosio. Questo percorso ha ispirato anche la stesura di un libro sulla mia esperienza e approccio innovativo alla ristorazione. La mia idea è che la tavola dovrebbe essere come la strada, aperta a tutti.

Come è nata questa sensibilità per l’alimentazione vegan?

La mia sensibilità per l’alimentazione vegan deriva da un’empatia innata. Fin da piccolo, ho sempre avuto a cuore le minoranze e chi si trova in difficoltà. Questo si riflette nel mio ristorante, dove credo fermamente nell’inclusività. Già dall’apertura, 17 anni fa, offrivamo un’ampia selezione di piatti vegani, dimostrando il nostro impegno per un’offerta alimentare accessibile e sensibile alle diverse esigenze.

cornetto senza glutine

Consigliaci alcune cose da assaggiare assolutamente se veniamo da te

Se venite a trovarci, vi consiglio assolutamente di assaggiare il nostro croissant senza glutine e vegano, che è il nostro prodotto di punta. Inoltre, vi suggerisco di provare il nostro semifreddo vegan al pistacchio, una novità che ho recentemente presentato. Un altro must sono le nostre ciambelle, anch’esse senza glutine e vegane, deliziose e preparate senza burro o altri ingredienti di origine animale.

Nella tua pasticceria fai anche formazione per i professionisti?

Sì, la formazione professionale è un aspetto centrale della nostra attività. Oltre a gestire un ristorante e una pasticceria, mi dedico soprattutto alla formazione di professionisti del settore in tutto il mondo. Operiamo anche a livello internazionale, con filiali che utilizzano le nostre miscele di farine personalizzate, prodotte e distribuite globalmente. La nostra produzione annua di quasi 200.000 kg di farine testimonia l’ampiezza e l’importanza della nostra rete di formazione.

Avendo acquisito una significativa esperienza nella pasticceria vegan, quali consigli daresti a chi desidera avvicinarsi a questo settore?

Per chi vuole entrare nel mondo della pasticceria vegan, consiglio di non improvvisare, ma di apprendere dai professionisti. La formazione con esperti accelera l’apprendimento e migliora le competenze, come dimostra l’esperienza di una cliente che, dopo un giorno di corso, ha iniziato a produrre eccellenti croissant vegani.

cannolo siciliano

Ultimissima domanda: per Natale? Ci saranno specialità vegan?

Per le festività natalizie, abbiamo pianificato una serie di specialità vegan che siamo entusiasti di presentare. Tra queste, il ‘pane d’oro vegano’ sarà uno dei nostri prodotti di punta. Il nostro obiettivo è quello di mantenere vive le tradizioni natalizie attraverso varianti vegane, offrendo così un’esperienza gustativa unica e inclusiva. Questo ci permette di celebrare il Natale rispettando diverse esigenze alimentari, senza rinunciare al gusto e alla qualità.

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica gratuitamente il nostro magazine

Leggi altri articoli