Tutti pazzi per il latte vegetale! Da Beyond Meat a Danone, “i big” puntano sul vegan

Non c'è niente di certo, se non che Beyond Meat abbia depositato il marchio "Beyond Milk" a inizio del mese: l'azienda punta quindi sul latte vegetale, altro simbolo della rivoluzione dei consumi alimentari insieme alla carne vegan. Ma non è da sola: anche grandi "big" come Danone e Nestlé entrano a gamba tesa in quello che è certamente un mercato ancora in crescita.

Si chiamerà Beyond Milk e sarà la proposta di Beyond Meat per entrare nel mercato dei sostituti vegetali di latte e derivati. Ormai è fatta: all’inizio del mese, l’azienda californiana ha richiesto la deposizione del marchio presso l’Ufficio Brevetti e Marchi degli Stati Uniti, a dimostrazione che il colosso della “fake meat” mira ad espandersi in altri settori. Un passaggio quasi obbligato per l’azienda, visto che il latte vegetale è uno dei prodotti vegan più consumati a livello globale e, insieme alle alternative alla carne, il simbolo della “rivoluzione vegetale” degli ultimi anni.

Per il momento non si hanno informazioni sul prodotto in sé, né sulle tempistiche per il lancio sul mercato. Dal  documento di brevetto, però, emerge che l’azienda si concentrerà sulla “produzione di frullati, bevande a base di caffè o tè con latte o sostituti del latte”. Beyond Meat non non ha reso pubbliche neanche informazioni sugli ingredienti che utilizzerà per creare la sua nuova linea di prodotti, ma le innovazioni nel settore non mancano di certo. Non ci stupiremmo se al posto del tradizionale latte di avena (che raggiungerà lo stratosferico valore di mercato di 698,8 milioni di dollari entro la fine del 2027), l’azienda puntasse su latte di patate, latte di canapa o latte di piselli (quest’ultimo scelto da Nestlé per i suoi prodotti a marchio Wunda).

Quello che è certo è che Beyond Meat ha sentito la necessità di cavalcare l’onda di un mercato in rapidissima espansione, che vede protagoniste aziende come Oatly, marchio svedese che produce latte di avena e che pochi mesi fa è approdato a Wall Street, raccogliendo quasi 2,12 miliardi di dollari in pochissimo tempo. Ma non solo: anche il principale rivale di Beyond Meat, Impossible Foods, è al lavoro da tempo per produrre il suo latte vegetale “impossibile” e non si contano le aziende più o meno grandi che abbiano deciso di puntare su questo settore.

I “big” puntano sul latte vegetale

Non solo Beyond Meat: anche una multinazionale come Danone, che si è aperta da relativamente poco al settore dei prodotti vegetali, ha scelto di puntare decisamente di più su questo mercato. Secondo i media internazionali, l’incremento delle vendite dei prodotti vegani ha spinto il colosso francese a voler migliorare il gusto e la consistenza del suo latte di avena, mandorla e soia all’interno del programma chiamato “plant-based 2.0”. Entro l’anno, l’azienda svilupperà un nuovo tipo di latte vegetale con un gusto neutro, molto più simile al latte vaccino, che non verrà classificato in base agli ingredienti, ma semplicemente come come NextMilk e Wondermilk negli Stati Uniti e Not Milk in Europa.

Ovviamente non vanno dimenticate le grandi aziende da sempre impegnate nel settore lattiero-caseario, che per far fronte al calo vertiginoso dei consumi, hanno optato per una conversione della produzione. Un esempio fra tutti è Giacomazzi Diary, il più antico caseificio della California, che dal 1893 ha sempre prodotto latte. Questo, fino al 2019: dopo 125 anni, l’azienda ha chiuso per avviare un nuovo business, la coltivazione di mandorle. Anche la Elmhurst Dairy, fondata negli anni ’20 per diventare uno dei più grandi produttori di latte vaccino della costa orientale degli Stati Uniti, nel 2018 ha chiuso il caseificio, avviando la produzione esclusiva di un’intera gamma di latte a base vegetale.

Dopotutto, da poco è stata celebrata la Giornata Internazionale del Latte Vegetale: abbiamo visto perché dovremmo bere il latte vegetale invece di quello animale e non ci sono più scuse. A quanto pare, lo sanno bene anche i grandi big del settore.

Leggi anche:

Prodotti vegetali alle stelle, un boom che varrà 162 miliardi entro il 2030

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica il nostro RAPPORTO DI IMPATTO ETICO 2021

Sauro Martella
Fondatore VEGANOK

Leggi altri articoli