Estate 2021: per gli italiani ancora vacanze di prossimità. Il vegan come booster del turismo gastronomico?

Vacanze vicino a casa, viaggi brevi e per lo più in automobile: l'estate 2021 sarà caratterizzata dal fenomeno della staycation, che permette di riscoprire il turismo locale. Mentre i trend parlano di una sempre maggiore attenzione alla sostenibilità ambientale in ogni contesto, il turismo enogastronomico che punti a essere "eco" non può prescindere da un’offerta vegan ampia e variegata.

L’estate è arrivata e con essa la voglia di vacanze, che per il secondo anno consecutivo dovranno coincidere con precauzioni e misure indispensabili per contenere i contagi da Covid-19. Secondo un’inchiesta condotta da Altroconsumo, anche il 2021 per gli italiani sarà all’insegna del turismo di prossimità: l’89% degli intervistati sceglierà l’Italia come meta per il proprio soggiorno, e di questi il 25% non uscirà nemmeno dalla propria regione.

L’automobile sarà il mezzo preferito per gli spostamenti, complice sicuramente la paura del sovraffollamento dei mezzi pubblici: l’80% di chi si concederà una vacanza, userà proprio l’auto per raggiungere il luogo di villeggiatura. Luogo che, per il 51% di chi vive al Sud o nelle Isole, sarà rappresentato dalle bellezze della natura locale; solo il 6% di chi vive al Nordovest sceglierà il Sud, il 22% di chi vive al Nordest e il 33% di chi vive al Centro.

Stranieri in Italia e italiani all’estero

Il turismo è certamente uno dei settori più colpiti dalla pandemia tanto che, secondo l’indagine condotta dalla Banca d’Italia sul turismo internazionale, nel 2020 la spesa dei viaggiatori stranieri in Italia si è ridotta di circa tre quinti rispetto all’anno precedente. Allo stesso modo, lo scorso anno anche i viaggi degli italiani all’estero sono diminuiti in maniera consistente (-63,9 % rispetto al 2019), con una spesa ridotta da 27,1 a 9,6 miliardi di euro.

Sembrerebbe quindi che, anche quest’anno, l’Italia viva il fenomeno della staycation: viaggi verso mete vicine a casa raggiungibili per lo più in macchina, in località possibilmente non troppo affollate e con la riscoperta del turismo lento. Un fenomeno dettato sicuramente anche dalle difficoltà sanitarie ed economiche contingenti, ma che allo stesso tempo è in grado di dare nuovo vigore al turismo locale all’interno dei confini nazionali. Come nel 2020, siamo di fronte a viaggi più consapevoli, che rispecchiano un’attitudine allo spostamento più selettiva e attenta.

Turismo gastronomico: il vegan può favorire la ripresa?

L’Italia riscopre quindi il turismo di prossimità, che molto spesso si accompagna al fenomeno del “travel eating”, che secondo gli esperti è sempre più legato al tema della sostenibilità: il rispetto dell’ambiente gioca infatti un ruolo sempre più importante nelle scelte dei consumatori e delle aziende, e anche nel caso del turismo gastronomico rappresenta un fattore decisionale sempre più importante, specialmente per le nuove generazioni. E ormai si sa, il turismo enogastronomico che punta a una maggiore sostenibilità ambientale non può prescindere da un’offerta vegan ampia e variegata. Risulta dunque importante puntare i riflettori su questo aspetto anche quando si parla di food travel, rendendo note le possibilità che questo tipo di offerta alimentare mette a disposizione sotto il profilo della salvaguardia ambientale.

Per approfondire: Turismo gastronomico: sostenibilità ambientale sempre più importante

Torna quindi il concetto dell’educare e dell’ispirare, facendo conoscere le alternative plant-based ai piatti tradizionali e rendendo questo stile alimentare (oltre che di vita) sempre più “normale”, estraendolo dalla nicchia nella quale è stato relegato per fin troppo tempo. Nella tradizione culinaria italiana esistono già decine di piatti 100% vegetali tra cui scegliere e moltissime ricette possono essere riproposte ai clienti in chiave plant-based senza alterarne il gusto, ma al contrario fornendo un’offerta alimentare innovativa e al passo con i cambiamenti in atto. Non bisogna sottovalutare le potenzialità della trasformazione di un menu in chiave vegetale, né della valorizzazione delle risorse plant-based all’interno di una proposta per il cliente; valorizzare i prodotti e le filiere vegetali locali, offrirli in chiave creativa puntando sull’innovazione delle tradizioni culinarie può essere il punto di partenza per iniziare a parlare concretamente di sostenibilità ambientale anche nel settore enogastronomico legato al turismo.

Ricordiamo che VEGANOK offre la possibilità di accreditamento gratuito per quelle strutture non interamente vegane che però mettono a disposizione della clientela menu vegan; in particolare parliamo di almeno due portate (ma anche di più) di antipasti, di primi, di secondi, di contorni e di dolci, in modo da garantire un menu vegano completo a scelta.

Per saperne di più: Accredita gratis il tuo esercizio con VEGANOK: scopri come!

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica il nostro RAPPORTO DI IMPATTO ETICO 2021

Sauro Martella
Fondatore VEGANOK

Leggi anche: