errori nuovi vegani

I 7 errori più comuni in cui si imbattono i nuovi vegani

L’interesse per il veganismo sta crescendo sempre di più: ecco una guida per non commettere passi falsi nell’avvicinarsi alla dieta plant based!

Nell’epoca in cui il veganismo prende più piede, specie grazie a iniziative come il Veganuary, sempre più persone stanno valutando di compiere il fatidico passo verso una dieta plant based, affrontando diversi primi step che si rivelano più o meno comuni per tutti gli aspiranti nuovi vegani, per superare alcuni dei quali è inevitabile imbattersi in piccoli errori di percorso.

Molti di questi, però, si possono facilmente evitare seguendo i consigli di chi, prima di te magari, ha affrontato le stesse “sfide”. Quali sono gli errori più comuni quando si vuole diventare vegani? Ecco sette dei più comuni e come superarli.

Diventare vegan “per moda”

Partiamo da un presupposto: il veganismo non è una moda, ma è una filosofia di vita che affonda le sue radici in un’epoca lontana. Detto questo, è indubbio che, negli utimi anni, la scelta vegan abbia acquisito rilevanza e sostenitori in tutto il mondo, diventando un vero e proprio movimento globale. Ecco allora che un errore comune potrebbe essere quello di diventare vegan “per moda”, cavalcando l’onda del cambiamento.

Il problema è che, così facendo, è molto facile perdere motivazione e cambiare idea. Per stimolare la propria determinazione ed evitare cedimenti e delusioni, è importantissimo trovare una motivazione valida che caratterizzi la propria scelta. Quali possono essere le ragioni per diventare vegani? Ragioni etiche, per la causa animale, per la crisi climatica… insomma, trovare una propria “missione” e impegnarsi per portarla a termine è fondamentale. 

Essere troppo drastici

C’è chi diventa vegano in un giorno e chi ha bisogno di mesi: l’importante è seguire i propri tempi e non sforzarsi, in nessuna direzione. Prima di intraprendere la scelta vegan, informati e documentati su tutto ciò che affronterai o potresti affrontare, altrimenti potresti perdere coraggio e desistere.

In ogni caso, ricorda che scegliere di diventare vegani non significa partecipare a una gara. Sbagliare è normale, imparare dai propri errori è fondamentale per cercare di essere il più sostenibili possibile: è questo l’obiettivo da raggiungere e da migliorare sempre nel lungo periodo.

Non ci sono regole precise nel passaggio verso un’alimentazione plant based. Uno degli errori più comuni è sicuramente quello di limitarsi a ciò che si conosce. Il consiglio più importante è quello di esplorare, essere curiosi, aprirsi alla creatività e a nuovi mondi… soprattutto in cucina!

Pensare che sia una gara

A volte si riesce ad abbandonare tutti i cibi non vegani velocemente, senza difficoltà; altre volte, no. Qualunque sia il tuo percorso, ricordati che intraprendere uno stile di vita plant-based non è una gara. Se ti senti motivato ma pensi che cambiare alimentazione sia troppo difficile per te, inizia a mangiare un pasto vegano al giorno o alla settimana, per esempio. Oppure togli prima la carne, poi il pesce, poi i derivati e così via.

Fissa dei traguardi e goditi i progressi: ti divertirai mangiando e conducendo pian piano un nuovo stile di vita tutto da scoprire!

Pensare di dover vivere di privazioni

Credi che diventare vegani significhi dire addio a sapori e pranzi goduriosi? Niente di più sbagliato! Contrariamente a quanto molti possono pensare, essere vegani non significa rinunciare a mangiare bene e nutrirsi di sola insalata, anzi!

Ami gli hamburger? I nuggets di pollo? Rilassati, esistono dei corrispettivi plant based da leccarsi i baffi. Sono sempre di più le alternative vegetali in commercio, una più buona dell’altra e alcune delle quali molto simili, per consistenza, gusto e aspetto, ai prodotti di origine animale. Anche le più grandi catene di fast food hanno iniziato ad integrare alternative vegan ai classici panini, quindi basta davvero poco per immergersi in un nuovo mondo fatto di sapori provenienti da tutto il globo.

Diventare vegan per dimagrire

Errori nuovi vegani

 

Sì, un’alimentazione 100% vegetale ben pianificata è sicuramente salutare per l’organismo e può aiutare a prevenire molte patologie croniche. Però è sbagliato pensare all’alimentazione plant-based come a una dieta dimagrante il cibo vegano è talmente variegato da includere anche il cibo spazzatura. Molti burger vegani non sono il massimo della genuinità, come anche i cibi fritti in generali e i panini da fast food. Quindi, se pensi che diventare vegani porti a perdere peso istantaneamente, beh… non è sempre vero.

Pensare solo ad un corretto apporto di proteine

I più atletici spesso faticano ad intraprendere una transizione verso il veganismo proprio per la paura di non assumere abbastanza proteine per fare esercizio fisico. Da qui, il luogo comune sui vegani che, non mangiando carne, sono carenti in proteine.

Da dove prendono le proteine i vegani, allora? Beh, la risposta è piuttosto semplice: da dove le prendono gli altri animali, ossia dai prodotti della terra. Legumi, frutta secca o alimenti come il tofu sono ricchissimi di proteine, pur essendo 100% vegetali.

Non lasciarti demoralizzare da chi non condivide la scelta 

Diventare vegani è una scelta che può talvolta attirare critiche, discussioni e perplessità da parte di chi ti circonda. Molte volte, le persone si dimostrano curiose e interessate a scoprire cos’è che mangiano davvero i vegani e cosa comporta una scelta simile; può sempre capitare, però, di incontrare persone che non condividono o non apprezzano il veganismo. 

Fare muro, in questi casi, non è una scelta conveniente: meglio dimostrarsi aperti al dialogo e vogliosi di dimostrare che no, i vegani non sono tutti estremisti e, come abbiamo visto, sono tutt’altro che emaciati per via della dieta che seguono. Non farti demoralizzare, vai per la tua strada e mostra a tutti l’entusiasmo che comporta per te seguire questa scelta, oltre ad informare gli altri a conoscere meglio il mondo vegan. Molte persone sono portate così ad avvicinarsi alla causa o, quanto meno, a rispettarla.

Scegli i prodotti certificati VEGANOK e sostieni così la libera informazione!


Solo con la partecipazione di tutti potremo fare la differenza per la salvaguardia del pianeta.

Scarica il nostro RAPPORTO DI IMPATTO ETICO 2021

Sauro Martella
Fondatore VEGANOK

Leggi altri articoli